NUOVO SERVIZIO di pulizia con sabbiatrice criogenica - Dry ice blasting

approfondisci   contattaci

Pulizia criogenica a ghiaccio secco

Come funziona?

L’eccessivo accumulo di sporco presente sui macchinari di produzione può interferire con la normale esecuzione del ciclo produttivo e condizionare negativamente anche la qualità del prodotto finito.
La pulizia criogenica sfrutta il principio della sabbiatura tradizionale, con una modifica sostanziale, infatti anziché utilizzare la sabbia come agente pulente viene impiegato il ghiaccio secco che è la forma solida dell’anidride carbonica (CO2) un gas privo di odore, insapore che a pressione atmosferica si trova ad una temperatura di -78,5 °C.
All’interno della sabbiatrice criogenica avviene la miscelazione di ghiaccio secco e aria compressa. Questa miscela fuoriesce da un tubo collegato ad una pistola erogatrice  per colpire ad alta pressione le incrostazioni, rendendo così le superfici danneggiate dallo sporco, perfettamente pulite.

La pulizia criogenica si basa quindi su 3 effetti:

  1. Shock termico: Creato dalla bassa temperatura del ghiaccio secco che agisce sugli strati di sporco, rendendo l’incrostazione friabile separandola dalla superficie trattata.
  2. Meccanico: Essendo proiettato ad alta pressione sulle incrostazioni, il ghiaccio secco, asporta gli strati di sporco senza arreccare danni alla superficie sottostante, non essendo abrasivo in alcun modo. 
  3. Sublimazione: Quando il ghiaccio secco viene proiettato ad alta pressione, colpendo la superficie, sublima. Viene così provocata una dilatazione del volume dell’anidride carbonica di circa 800 volte e di conseguenza un’esplosione delle incrostazioni presenti. Inoltre durante la sublimazione è presente un’azione fungistatica e batteriostatica, rallentando i processi di riproduzione mircrobiologica. 

Questo metodo ha il vantaggio di poter essere utilizzato direttamente sugli stampi o sugli impianti, evitando costosi fermi di produzione. Può essere utilizzato e integrato nei normali processi, contribuendo a un incremento della qualità e della sicurezza.
La sabbiatura criogenica è un metodo di pulizia asciutto. Per questo motivo è possibile pulire senza alcun problema quadri di comando o altri componenti elettrici. 

 

Cosa occorre per poterla utilizzare?

  • Pellets di ghiaccio secco in formato da 3 mm
  • Aria compressa (minimo 1.500 litri/minuto)
  • Macchina sabbiatrice criogenica

 

In quali settori la posso utilizzare con successo?

I possibili campi di utilizzo sono molteplici: pulizia di stampi, pulizia di impianti industriali e alimentari, restauro del legno, pulizia quadri e impianti elettrici, interventi nel settore edile, componenti elettromeccanici, robot, macchine industriali, parti pneumatiche e di trasmissione, linee di montaggio, sistemi trasportatori presenti all’interno di impianti industriali, rimozione inchiostri, industrie navali.

ELETTROMECCANICO: Pulizia di motori elettrici ed impianti tecnici con componenti elettrici.

IMPIANTI DI VERNICIATURA: Rimozione verniciature dai forni senza bagnare.

PRODUZIONI PLASTICHE: Rimozione  residui di macchine da processo.

FONDERIE E INDUSTRIE METTALLURGICHE: pulizia di nastri trasportatori, robot di saldatura, la pulizia di stampi, forni e sgrassaggio delle parti meccaniche.

STAMPERIE: asporta colori secchi o umidi, i residui di colle e  le polveri.

CENTRALI: Applicazione nelle centrali termo elettriche ed elettriche.

INDUSTRIA ALIMENTARE: La pulizia criogenica è battericida ed inattiva i virus presenti nell’ambiente e per questo è usato in pratiche mediche. Quindi particolarmente adatto a garantire igiene ambientale e salute pubblica. E’ scientificamente provata la capacità del ghiaccio secco di sterilizzare e sanificare ambienti. Per queste motivazioni trova largo impiego in questo settore con molteplici applicazioni.

AEREO, FERROVIARIO, NAVALE: Rimozione di ruggini, muschi e strati vegetativi. Trattamento delle parti meccaniche e dei componenti elettronici. Pulizia delle parti interne ma anche delle carterature e parti esterne.

 

Che tipologie di sporco posso rimuovere?

Possono essere eliminati: residui organici, olii, distaccanti, residui di verniciatura, grassi, calcare, ruggine, polvere, residui carboniosi, bitume, resine, poliuretano, gomma, plastica, inchiostro, gomme da masticare, licheni, muffe, fuliggine.

 

Dove finisce lo sporco rimosso tramite la pulizia con il ghiaccio secco?

Lo sporco rimosso cade a terra cristallizzato e può essere aspirato o raccolto coprendo la superficie sottostante con un telo. La Pulizia Criogenica evita la generazione di materiale residuo come sabbia, sostanze chimiche o altri elementi da smaltire poiché il ghiaccio secco evapora a contatto con la superficie.

Perchè preferirla ad altri sistemi di pulizia?

Perchè è un sistema ecocompatibile, atossico, rapido, sicuro, asciutto, non invasivo. 

Con la pulizia con ghiaccio secco, nessun detergente, nessuna sostanza tossica, non viene utilizzata acqua.  Il metodo di pulizia a ghiaccio secco è completamente non abrasivo. Questo sistema di pulizia industriale non utilizza sostanze chimiche inquinanti e non presenta alcuna tossicità né per l’uomo è per l’ambiente. (100% Ecologico)  Grazie agli ugelli a getto e alle diverse velocità è possibile trattare anche punti di difficile accessibilità evitando smontaggi e fermi di produzione.
 

Come operiamo?

  1. Sopralluogo: Sarà effettuato un sopralluogo nella sede del cliente che richiede il servizio, in maniera tale da accertarsi delle sue esigenze e delle criticità presenti nelle aree in cui è richiesto il nostro intervento.
  2. Servizio di pulizia criogenica: Cercheremo di effettuare il servizio in tempistiche tali da far riprendere le attività interne di produzione del cliente in tempi minimi senza interrompere cicli produttivi.
  3. Pianificazione dei futuri interventi a cadenza programmata: Creazione di schede d’intervento specifiche con cadenze accordate con il cliente, così da programmare interventi regolari di manutenzione per mantenere alto lo stato di pulizia degli impianti
 

Altri video dimostrativi